Auraderma è il primo blog professionale completamente dedicato alle allergie indoor e relative soluzioni

Il trattamento della colonizzazione da Staphylococcus aureus nella dermatite atopica diminuisce la gravità della malattia

Ricercatori della Northwestern University, Feinberg School of Medicine, a Chicago negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per determinare la prevalenza di colonizzazione da Staphylococcus aureus contratta in comunità resistente alla Meticillina (MRSA) nei pazienti con dermatite atopica e per determinare se la soppressione della crescita dello Staphylococcus aureus con bagni di Ipoclorito di sodio (candeggina) e trattamento intranasale con Mupirocina (Bactroban nasale) fosse in grado di migliorare la gravità dell’eczema.

dottoressa controllo bambino

È stato condotto uno studio randomizzato, in cieco, placebo-controllato su 31 pazienti di età compresa tra 6 mesi e 17 anni con dermatite atopica da moderata a grave e segni clinici di infezioni batteriche secondarie.

Tutti i pazienti hanno ricevuto Cefalexina (Ceporex) per via orale per 14 giorni e sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere trattamento con pomata intranasale a base di Mupirocina e bagni di Ipoclorito di sodio (braccio trattamento) o pomata intranasale di Petrolato e bagni con acqua (braccio placebo) per 3 mesi.

La misura di esito primaria era il punteggio nell’Eczema Area and Severity Index (EASI).

La prevalenza di Staphylococcus aureus acquisito in comunità e resistente alla Meticillina in questo studio (7.4% delle colture di pelle positive per S. aureus e 4% delle colture nasali positive per S. aureus) è risultata molto più bassa di quella riscontrata nella popolazione generale di bambini al Children’s Memorial Hospital (75-85%).

I pazienti nel gruppo che ha ricevuto i bagni di candeggina diluita e trattamento intranasale con Mupirocina hanno mostrato riduzioni medie significativamente più grandi dal basale nei punteggi della scala EASI, rispetto al gruppo placebo alle visite a 1 e 3 mesi.

I punteggi medi nell’Eczema Area and Severity Index per testa e collo non sono diminuiti per i pazienti nel gruppo trattamento, mentre i punteggi per le altre aree corporee (immerse nei bagni di candeggina diluita) sono diminuite a 1 e 3 mesi rispetto ai pazienti del gruppo placebo.

In conclusione, l’uso cronico di bagni di candeggina diluita con applicazioni intranasali intermittenti di Mupirocina diminuiscono la gravità clinica della dermatite atopica nei pazienti con segni clinici di infezioni batteriche secondarie.

I pazienti con dermatite atopica non appaiono avere un’aumentata suscettibilità all’infezione o alla colonizzazione da ceppi resistenti di Staphylococcus aureus.

Huang JT et al, Pediatrics 2009; 123: e808-814

Condividi articoloShare on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Print this page
Print
Email this to someone
email